Seleziona Pagina

Cura del prato in autunno e in inverno

Cura del prato in autunno e in inverno

Cura del prato in autunno e in inverno

Arriva l’inverno ? Ed è appena passato l’autunno ? Ora è il momento di darti in questo articolo dei consigli su come ci si può prendere cura del prato in autunno e in inverno, ecco a te alcuni consigli e suggerimenti per curare il prato facilmente quando fa freddo.

In particolare, sono tre le operazioni fondamentali che vi permetteranno di preparare efficacemente il prato all’invernofare in modo che l’erba si mantenga corta, mantenere il giusto livello di umidità e curare costantemente la pulizia del manto erboso.

MANUTENZIONE DEL PRATO DURANTE L’INVERNO

Ma, vediamo nel dettaglio, quali sono tutte le operazioni da effettuare per salvaguardare il prato durante l’inverno:

  • Assicuratevi che il prato sia sempre pulito. Non c’è bisogno di pulirlo in tutta la sua superficie ogni giorno. Ma bisogna tenere gli occhi aperti per evitare danni delle foglie, del muschio e degli aghi di pino, laddove esistono alberi di questo genere. Per pulire bene il prato durante l’inverno basta una buona rastrelliera.
  • Effettuate l’ultima concimazione nel tardo autunno e poi riprendete l’operazione durante la primavera.
  • Nei periodo particolarmente piovosi, sospendete le irrigazioni e fate attenzione ai ristagni d’acqua.
  • Fate attenzione alla comparsa e alla proliferazione del muschio: si forma maggiormente nei luoghi più esposti all’ombra in cui la luce del sole risulta scarsa.
  • Infine, dal momento che, con le basse temperature, l’erba diventa più delicata, se possibile, evitate di calpestare il prato, soprattutto se ricoperto di brina o neve. Eviterete così di spezzare i fili d’erba e farli marcire.

PRATO IN INVERNO

Non spaventatevi se il vostro prato ingiallisce durante l’inverno, e non sprecate soldi per farlo tornare verde con prodotti chimici. È naturale che ci sia questo cambio di colore, ma se avrete fatto le giuste cure invernali, già in primavera il prato tornerà sul suo colore verde naturale. Piuttosto, a proposito di cure, ricordatevi di procedere comunque a un taglio dell’erba fino a 4-5 centimetri di altezza e fate in modo che gli steli non superino mai i 9 centimetri di altezza.

Altri consigli utili per curare il prato in inverno: Il concime 

La scelta più comune è distribuire da 30 a 50 grammi per mq  di un buon fertilizzante professionale con circa 25 unità di potassio e 20 unità di azoto tutte a lenta cessione da sistemi di cessione programmata non influenzati da umidità e pioggia (esempio: Autumn K).

Nei prati non molto fitti è possibile anche usare fertilizzanti con titoli di potassio ed azoto più bassi (esempio: Slow K). C’è però il rischio che il prato arrivi un po’ scarico di nutrimenti a primavera. In questo caso sarà nostra cura anticipare un po’ la concimazione primaverile.

SOSTENERE LA FOTOSINTESI CLOROFILLIANA

Un problema tipico della stagione invernale deriva dal calare della luce e l’abbassarsi del sole all’orizzonte che comporta una maggiore esposizione dei tappeti erbosi all’effetto ombra: il prato si allunga, si dirada e riduce l’apparato radicale.

Per evitare ciò è consigliato eseguire un paio di trattamenti biostimolanti con prodotti derivati da alghe (esempio: Pre Stress) che contrastano molto bene questo fenomeno, riportando ordine alla crescita del tappeto erboso. Nel caso di Prestress, va dato a foglia asciutta in dose di 150/300 ml da diluire in 10 litri d’acqua per 100 mq.

PICCOLI MA IMPORTANTI TRUCCHI

Infine vediamo due piccoli accorgimenti in grado di donare tanta salute al nostro amato tappeto erboso durante la fine dell’autunno e l’inverno:

  • Rastrellare. Foglie e aghi di pino sono nemici del prato in autunno ed inverno. Diminuiscono l’assorbimento della luce e lo scambio gassoso. Tenere il prato pulito è importantissimo. Per farlo bene e velocemente è possibile utilizzare i rastrelli a ragno o gli soffiatori / aspiratori.
  • Taglio. L’altezza dell’erba in autunno ed inverno andrebbe alzata del 20% per aumentare la capacità di produrre energia. Ad esempio un prato a base di festuca arundinacea andrebbe tagliato a 6 o 5 cm. Ricordiamo che è altrettanto importante evitare che durante l’inverno il prato superi i 9 cm di altezza: in questo caso il prato va sempre tagliato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *