Seleziona Pagina

I migliori consigli per prendersi cura dei propri termosifoni in vista dell’inverno

I migliori consigli per prendersi cura dei propri termosifoni in vista dell’inverno

Consigli per prendersi cura dei propri termosifoni

È un periodo un po’ particolare, l’ultimo, dal punto di vista economico. La crisi energetica ha messo a dura prova le famiglie italiane e non solo, visto il considerevole aumento generale che i prezzi stanno subendo per il consumo di energia e di risorse. I rincari in bolletta, insomma, hanno fatto scendere molte persone a compromessi con l’utilizzo di elettrodomestici, fornelli e, in generale, dispositivi alimentati a corrente o a gas. Col freddo che comincia ad incalzare in maniera sempre più massiva, però, sono diversi gli italiani che hanno già cominciato ad allargare le possibilità, quantomeno, ai termosifoni. Si tratta di un sistema di riscaldamento fondamentale, soprattutto vista la rigidità delle ultime temperature.

I termosifoni restituiscono tepore all’ambiente domestico, rendendosi provvidenziali per trascorrere l’inverno. Siamo ancora alle fasi preliminari della stagione fredda. Per questo motivo, ora è tempo di sistemare l’impianto di riscaldamento e di pianificarne un utilizzo, sicuramente, più parsimonioso. Come ogni elemento della casa, del resto, anche i termosifoni necessitano della manutenzione per funzionare in modo accurato e garantire il comfort ed il calore per i quali sono stati creati. Questi impianti richiedono una certa attenzione prima di essere accesi, per poter funzionare a pieno regime e garantire una buona qualità dell’aria.

La manutenzione dei termosifoni, del resto, è un’operazione necessaria per garantire il corretto funzionamento dell’intero sistema e per mantenere la salubrità dell’aria in casa. Bisogna sapere che, per quanto gravoso, infatti, prendersi cura della propria casa è un impegno che va rispettato quotidianamente.

Per quanto riguarda i termosifoni, nelle prossime righe vi presentiamo una guida pratica per prendervene cura, ma per maggiori informazioni vi consigliamo di visitare https://www.pianetadonne.blog/category/fai-da-te/.

Manutenzione dei termosifoni: premessa

La manutenzione dei termosifoni va programmata e svolta con grande attenzione, in modo da poterli adoperare con una maggiore serenità. È possibile prendersene cura nei periodi di inutilizzo, allo scopo di mantenerne le prestazioni sul lungo periodo e adoperarli in sicurezza durante l’inverno. Pulendo regolarmente i termosifoni, infatti, è possibile eliminare gli accumuli di polvere, particolarmente pericolosi per chi soffre di allergie. Inoltre, grazie alle procedure di manutenzione ordinaria dei termosifoni, si può godere di un impianto funzionante sempre al top ed evitare le tedianti procedure straordinarie e le riparazioni.

Manutenzione ordinaria degli impianti, ecco cosa sapere

Per essere sicuri che i termosifoni funzionino sempre a pieno regime, bisognerà prendersene cura in maniera periodica. Di solito, la manutenzione ordinaria dei riscaldamenti riguarda la rimozione della polvere ed il lavaggio della scocca esterna. Ci si dovrebbe dedicare a queste attività in primavera e in autunno, mentre in inverno bisognerebbe pulire settimanalmente o mensilmente, per eliminare la polvere in eccesso. Le operazioni assumono un carattere differente in funzione del materiale di cui si compone il termosifone, se in ghisa, alluminio o metallo.

I primi sono quelli che richiedono più attenzioni, mentre per quanto riguarda la pulizia interna bisogna liberare il calorifero dall’acqua contenuta all’interno, aprendo la valvola e facendo uscire il liquido, prima di spolverare l’intero sistema. Per spolverare i termosifoni bisogna acquistare spazzole apposite e utilizzare bocchette e compressori.

 

Per il lavaggio, invece, si devono adoperare pochi strumenti, tra cui una bacinella, dell’acqua calda, uno sgrassatore ed un panno di microfibra. Dopo aver insaponato e tolto lo sporco, si può risciacquare ed asciugare con un panno di cotone. A volte, la soluzione migliore potrebbe essere adoperando un generatore di vapore. Chi desidera eliminare la ruggine ed i primi segni di usura, invece, può intervenire con una carta vetrata a grana fine o una spazzola in ferro.

Manutenzione straordinaria dei termosifoni, info utili al riguardo

La manutenzione straordinaria diventa necessaria sul lungo periodo, quando i termosifoni si usurano in maniera particolare o in presenza di un guasto. Le azioni principali che interessano questa pratica sono la verifica della quantità d’acqua, il controllo della pressione dell’impianto e l’eliminazione dell’aria all’interno. Un termosifone intasato può creare non pochi problemi. Moltissimi modelli, però, facilitano le operazioni di spurgo attraverso una valvola ad hoc. In mancanza, però, è possibile utilizzare la valvola generale con una chiave apposita.

Per controllare la pressione dell’acqua nell’impianto, invece, non bisogna compiere un grande sforzo. La pressione, del resto, non deve essere inferiore ad un bar all’interno del termosifone e, per questo, bisogna verificarla in maniera periodica, insieme alla quantità d’acqua presente nel calorifero. A tal proposito, vi segnaliamo che il valore di quantità d’acqua presente in un termosifone è riportato sul manometro della caldaia e deve essere sempre compreso tra 1 e 1.3 bar.

In assenza della quantità adeguata di liquido, basta aprire la chiave di carico fino a raggiungere i valori desiderati. La manutenzione del termosifone, come abbiamo visto, può includere pratiche molto impegnative, ma è bene prendersi cura in via preventiva dei propri caloriferi, piuttosto che vedersi costretti ad affrontare guasti anche seri.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *