Seleziona Pagina

Come coltivare le Palme in giardino

Come coltivare le Palme in giardino

Come coltivare le Palme in giardino

Vuoi iniziare a coltivare le palme in giardino ? Oppure ti sei ritrovato con le palme in giardino ? Ok, vediamo alcuni consigli su come coltivare le palme in giardino , facilmente e senza essere esperti in giardinaggio.

COLTIVARE LE PALME IN GIARDINO: PUNTIAMO SULLE VARIETA’ NANE

L’ambiente ideale per coltivare una Palma è un luogo caldo e ben soleggiato, simile ai luoghi tropicali di cui molte di queste piante sono originarie. Mentre le Palme più imponenti non possono essere piantate in luoghi troppo esposti al vento o al gelo dell’inverno, quelle nane possono vivere come perenni reggendo anche i mesi freddi delle regioni del nostro centro-nord.

Il terreno ideale per la coltivazione della Palma deve essere fertile e ben drenato. All’atto della messa a dimora, possiamo usare un terriccio universale per giardino da miscelare con un po’ di sabbia.

Il trapianto in giardino (o in vaso) è il momento giusto per iniziare un programma di concimazione, utilizzando un fertilizzante granulare a lenta cessione specifico per piante mediterranee. Sopperirà alle esigenze della pianta per 4/6 mesi e in autunno potremo ripetere un altro ciclo di concimazione.

Se coltivate in vaso, possiamo utilizzare un fertilizzante liquido specifico per Palme, da diluire ogni 15 giorni nell’acqua per l’irrigazione, durante il periodo vegetativo in primavera e in estate. Il vaso e il terriccio vanno cambiati ogni 2/3 anni. Se la pianta diventasse troppo grande, potrete valutare di trapiantarla in giardino.

Le Palme vanno irrigate frequentemente nel periodo vegetativo, tra la primavera e l’estate. All’inizio dell’autunno e in inverno possiamo diradare le irrigazioni, intervenendo solo quando troviamo il terreno completamente asciutto.

Le Palme non hanno bisogno di grandi cure, se non di qualche controllo periodico per individuare ed eliminare parti secche o danneggiate.

I nemici naturali delle Palme sono i marciumi radicali, conseguenti a un’eccessiva umidità, e l’attacco di parassiti come la cocciniglia, il ragnetto rosso e il temibile punteruolo rosso che attacca il tronco. Se rilevate la loro presenza, potrete intervenire con prodotti specifici.

Come curare la palma da giardino

Curare le palme in giardino è piuttosto semplice: basterà eseguire il trapianto in tarda primavera, tra maggio e giugno, in modo che la pianta possa formare il suo capillizio, ossia le ultime diramazioni della radice, e radicare al meglio, ancorandosi al terreno. È bene piantare la palma da giardino in una posizione riparata e rivolta a sud per godere di ogni ora di luce diretta, anche se l’elemento fondamentale non è tanto la luce quanto il calore.

È fondamentale che la palma da giardino abbia acqua in profondità a cui attingere, facendo in modo che le radici trovino umidità negli strati più bassi del terreno. Per la maggior parte delle palme è perfetta la situazione in cui si abbia una forte umidità in profondità (le radici possono scendere anche fino a 100 metri nel deserto!) e la parte aerea all’asciutto. Soprattutto all’inizio è bene quindi che l’irrigazione delle palme da giardino sia abbondante.

Infine sono numerose le palme da giardino resistenti al freddo, in particolare a quello asciutto, molto più difficile per queste piante è invece tollerare il freddo umido; se il gelo arriva fino alle radici, dove l’umidità è elevata, la pianta ne sarà fortemente danneggiata, anche irreparabilmente.

Le varietà di palma da giardino più adatte alla coltivazione

Tra le palme ornamentali da giardino possiamo certamente citare la cosiddetta palma delle canarie (Phoenix canariensis) che, come suggerisce lo stesso nome, è originaria dell’arcipelago spagnolo. È molto diffusa nelle aree mediterranee. Le foglie, lunghe anche fino a 5 metri, e l’altezza che può raggiungere i 15 metri le conferiscono un aspetto maestoso. La canariensis non può però essere enumerata tra le palme da giardino resistenti al freddo: non sopporta infatti temperature inferiori ai – 5° C. Nel nord Italia, grazie al particolare microclima, viene coltivata solo lungo le rive dei grandi laghi.

La palma da dattero, Phenix dactylifera, può essere coltivata solo in alcune zone della Sicilia ma solo come palma da giardino ornamentale; per farla fruttificare sono infatti necessarie temperature superiori ai 40 °C. La palma cinese o Trachycarpus fortunei, invece, è tra le più resistenti alle basse temperature, può infatti sopportare anche i – 15° C. Tuttavia per mantenerla rigogliosa è bene proteggere le foglie avvolgendole con del tessuto che potrà essere rimosso quando le temperature saranno risalite stabilmente a 5-8° C.

Chiudiamo il nostro elenco delle principali palme ornamentali da giardino con la palma della California, la Washingtonia filifera, originaria delle zone aride degli USA. Anche questa sopporta le basse temperature e sopravvive benissimo anche a punte di – 8° C. Per quanto resistente, in ogni caso è sempre consigliabile predisporre delle riparazioni dal freddo con teli per avvolgere la chioma e il fusto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *